Come sviluppare una web application. La storia di GEPAST software per la refezione scolastica

Molto spesso le nostre idee di centralizzare dati remoti si scontrano con le complessità dello sviluppo di una web application in grado di consentire la connessione tra sedi remote. In questo post cerchiamo di capire la differenza tra web application classiche ed una nuova idea di web application che semplifica notevolmente le cose.

WEB APPLICATION

Quando la nostra necessità è rendere pubblici i dati tra sedi remote, la strada è quella di creare un canale di collegamento tra queste sedi. Internet è un canale esistente che semplifica di non poco le cose consentendo collegamenti praticamente illimitati e garantiti.

A questo punto è necessario decidere cosa appendere agli estremi del nostro collegamento, un computer server ed uno o più computer client.

Le soluzioni sono svariate, da un semplice collegamento Terminal Server ad un’applicazione Client-Server, l’esistenza di questo canale ci consente di fantasticare su numerose soluzioni. Ma inevitabilmente dovremo fare i conti con tutta una serie di problemi laterali spesso dimenticati:

–          presenza di un IP pubblico su internet per il server

–          sicurezza sulle transazioni dei dati

–          protezione da accessi indesiderati

–          la lista potrebbe continuare ancora…..

L’analisi ci porterà sicuramente a pensare alla possibilità di creare un vera web application, cioè un’applicazione che non risiede sui nostri pc ma che viene installata su un server remoto e su questo verrà eseguita attraverso un qualsiasi browser.

La creazione di una web application ci imponeva di avvicinarsi a linguaggi detti server side, di questa categoria fanno parte i famosi PHP ed ASP, ogni volta che nel browser vedete un indirizzo con estensione PHP od ASP siete davanti ad una web application. (qui è possibile vedere un post su web application)

Per chi è abituato a sviluppare software desktop, questi sono linguaggi che vanno un po’ controcorrente rispetto a quelli comunemente adoperati e queste difficoltà impediscono spesso di realizzare i nostri progetti.

La Web Application di GEPAST

 La Web Application di Gepast

Pensiamo a Gepast, una procedura per la gestione della refezione scolastica. Una delle funzioni di Gepast è la fatturazione dei pasti consumati dagli utenti nelle scuole. Ci troviamo davanti ad un caso di collegamento tra la sede amministrativa ed un numero variabile di sedi remote costituite dalle singole scuole.

La fatturazione a fine mese è conseguenza dei pasti consumati nelle scuole che si vedrebbero costrette a comunicare un registro presenze cartaceo per permettere alla sede di provvedere alla registrazione entro i termini di fatturazione.

Per semplificare abbiamo pensato ad una web application che consentisse alle singole scuole di provvedere alla registrazione delle presenze su un database comune che veniva poi sincronizzato con il database in sede. A questo punto abbiamo pensato di portare su web application anche un’altra funzione, il riepilogo della situazione pasti/fatture e pagamenti per utenti per la loro consultazione in remoto.

Per lo sviluppo di Gepast avevamo deciso di utilizzare un nuovo linguaggio (RealSoftware) in grado di realizzare applicativi su piattaforma Windows/Linux/Apple ma soprattutto per il web. Così facendo le nostre web application sono sviluppate esattamente come una qualsiasi applicazione desktop con la possibilità di essere successivamente pubblicate su un sito web.

La struttura di una Web Application

Nel prossimo post andremo nel dettaglio e cercheremo di capire con quale semplicità è possibile scrivere una web application. Lo slogan potrebbe essere sai scrivere in VB6, allora puoi passare alle web application.

Nel prossimo post cominceremo anche a dare le prime indicazioni per un buon web server e vi fornirò le prime informazioni sulla nostra offerta Web Application

 

 

 

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

 

Spam Protection by WP-SpamFree


SEO Powered By SEOPressor